Il primo passo è la valutazione di idoneità, che si effettua presso il Centro Trasfusionale dell’ospedale civile di Pescara (sede della Fidas), e prevede l’accertamento dell’identità del candidato donatore e la compilazione di un questionario; il colloquio con il medico e la valutazione delle condizioni generali di salute; l’acquisizione del consenso informato alla donazione..

Nel giorno scelto per il prelievo è preferibile presentarsi a digiuno o dopo una leggera colazione a base di frutta fresca o spremute, tè o caffè poco zuccherati.  Prima della donazione si svolge un colloquio con personale medico per accertare che il candidato donatore abbia i requisiti per effettuare la donazione e per stabilire il tipo di donazione più indicata: sangue intero o suoi componenti. Ulteriori indagini sanitarie accerteranno l’effettiva idoneità della persona a diventare donatore di sangue.

Alla prima donazione vengono effettuati i seguenti controlli immuno-ematologici:

  • determinazione ABO, test diretto e indiretto
  • determinazione fenotipo Rh completo
  • ricerca degli anticorpi irregolari anti-eritrocitari

Ad ogni donazione, il donatore viene sottoposto ai seguenti esami:

  • esame emocromocitometrico completo
  • determinazione delle ALT con metodo ottimizzato
  • sierodiagnosi per la Lue
  • HIV Ab 1-2 (per l’AIDS)
  • Hbs Ag (per l’epatite B)
  • HCV Ab (per l’epatite C)
  • HCV NAT

Ogni anno il donatore è sottoposto ai seguenti esami:

  • creatininemia
  • glicemia
  • proteinemia ed elettroforesi sieroproteica
  • colesterolemia
  • trigliceridemia
  • ferritinemia

Il prelievo del sangue dura tra i 5 e i 10 minuti ed è del tutto innocuo, in quanto effettuato con materiale sterile e monouso. Per legge, il sangue prelevato oscilla tra i 450 ml. +/- 10%.

La frequenza massima delle donazioni di sangue intero è di quattro volte l’anno (con intervalli minimi di 90 giorni fra una donazione l’altra), ma per le donne in età fertile la frequenza scende a due.

Per altri tipi di donazione l’intervallo tra una donazione e la successiva è sensibilmente inferiore.

come-si-dona